martedì 30 novembre 2010

Military Chic



Il fascino della divisa! Lo stile militare si fa chic e il pezzo cult di questo look sono le military jacket con i loro vistosi bottoni dorati, da portare rigorosamente abbottonate.
Si tratta di uno stile di carattere, ma anche molto sensuale..le linee decise delle giacche creano un bellissimo contasto con la morbidezza e la dolcezza tipiche della figura femminile.
Io sto ancora cercando la "giacca della mia vita", sto "spulciando" siti internet e negozi per trovare quella che mi piace di più! Intanto condivido con voi le mie ricerche online!


Pimkie
Bon Prix (bellissima anche la versione in nero)

lunedì 29 novembre 2010

Agyness: la moda è anche questo

è solare, allegra e sbarazzina con il suo taglio alla garçonne e quell' aria dolcemente da dura;ha stile da vendere e benchè sia molto criticata, è una ventata d'aria fresca, una modella che ha saputo uscire fuori dagli schemi dell' alta moda, cicatrizzata intorno al prototipo di una donna inespressiva e accondiscendente.Trovo che Agyness rappresenti quello che una ragazza del ventunesimo secolo dovrebbe essere: dolce, ribelle, originale, allegra..alla faccia dei volti tristi, seri e IMBARAZZANTI di chi CREDE di essere fashion!Il mood di oggi è piuttosto critico, sono stanca di vedere gente banale che si spaccia per fashionista solo perchè ha una borsa firmata e copia spudoratamente i look delle passerelle.Azzardo, è questo che serve..e apertura mentale soprattutto. Quindi oggi godiamoci queste immagini,sperando di vederne più spesso di simili
Thanks to Giò

domenica 28 novembre 2010

Piccoli traguardi: GRAZIE

100 visite in pochi giorni... un piccolo ma significativo traguardo.
GRAZIE!
Chazelie

Kerli, stile da Lolita

Si rifà alla cultura pop giapponese, indossa solitamente abiti gothic lolita, è quasi fiabesco lo stile di Kerli, questa cantante estone che si è fatta conoscere nel 2008 con la canzone Walking on Air, che io adoro. Echi di un mondo lontano, nel suo stile e nella sua musica.
Lolita è infatti colei che trae ispirazione dai costumi delle bambole di porcellana, dai vestiti vittoriani per bambini e dagli abiti estremamente elaborati ed enfatici del periodo Rococò e del periodo Barocco per le stampe e l'uso di pizzi, nastri e fiocchi.
Lo stile nasce in Giappone negli anni Settanta dalla fusione tra Natural Kei(ispirato ai vestiti campagnoli) e Otome (stile semplice e femminile ispirato al tipico abbigliamento americano degli anni '50 E '60: corpino stretto in vita e gonne ampie) .


Fashion tips
Come per qualsiasi stile è possibile personalizzare il Lolita in molitissime sfumature, mettere un pò di " sè " nell'abbinamento.. originalità e buon gusto. I gioielli che ad esempio si possono abbinare allo stile Lolita sono molteplici e dipendono dalla sfumatura Lolita che si vuole dare all'outfit: per uno da " Classic Lolita " sono perfetti accessori retrò, mentre per una " Sweet Lolita " si prediligono accessori più moderni. Non esistono gioielli Lolita o gioielli Non Lolita, il trucco sta nel saper abbinarli seguendo un filo logico.
Quello che adoro io di questo stile sono le camicette con le maniche a sbuffo decorate da pizzi, o i vestitini molto femminili e dal gusto old-fashioned, quelli con stampe floreali in particolare, ma sono belli anche quelli di un solo colore, neri o rossi.
Non opterei mai per un Total Look Lolita, ma solo per qualche "traccia" quà e là, quindi camicetta " barocca " sopra al jeans oppure vestitino sdrammatizzato da un trucco acqua e sapone, con accessori non troppo appariscenti, o ancora solo accessori retrò-Lolita sopra un outfit a scelta!
Fortunatamente è ormai possibile acquistare abiti ed accessori in stile Lolita anche in negozi di abbigliamento giovanile come Zara, H & M, Promod ecc. Io ho scelto questi per voi:
Peep Toe Zara

Abito in pizzo Zara



















H&M

sabato 27 novembre 2010

Francesine:allure settecentesca

Avvistate già l'anno scorso,le francesine si riconfermano anche quest'anno,con il loro fascino settecentesco,altissime o con un tacco medio,in camoscio,in pelle o in vernice..l'importante è che siano le famose stringate vestite già dalle dame della Francia pre-rivoluzionaria.
La linea originariamente seriosa e serrata può dare l'idea della classica scarpa da signorina Rottermayer,ma l'evoluzione della moda è riuscita a rispolverare,reinterpretare e reinventare questa scarpa,rendendola sensuale,aggressiva e fine allo stesso tempo.Mi contraddico però mostrandovi queste di Zara,molto minimal e fedeli al modello originale,non sono brutte,ma bisogna saperle portare,io le vedrei perfette con un jeans chiaro,una blusa floreale e tanti tanti accessori gipsy.



Belle queste in camoscio color antracite con inserto in pelle nera e plateau interno di Barbara Bui





Proposta dal brand Joy Wendel invece questa francesina realizzata in pelle spazzolata beige con risvolto.Anche questa con plateau che accompagna il tacco alto.Una scarpa che ben si abbina a diversi stili.


Veramente belle le francesine di Miss Noise marchio trovato "spulciando" sul web;si tratta di un negozio online dedicato a scarpe ed abbigliamento realizzati totalmente in Italia,per mandare un pò di Made in Italy in giro per il mondo

giovedì 25 novembre 2010

ICONE:Cindy Lauper

Premetto che sono di parte,prometto che eviterò di tessere eccessive lodi ed ammetto che mi ero ripromessa di non scrivere di lei,sia perchè ormai sarebbe scontato e banale dato che OVUNQUE se ne parla,sia perchè se solo iniziassi credo che mai e poi mai finirei.La parte della "superfansfegatata" di Lady Gaga mi risulterebbe fin troppo facile,quindi lascio ad altri l'onore di parlare della "perfezione imperfetta" che la caratterizza,mentre io mi limiterò(ahimè)semplicemente a citarla.

Lady Gaga e Cindy Lauper protagoniste della nuova campagna "for our lips" di MAC cosmetics,rivolta alle problematiche delle donne affette da HIV/AIDS:un'icona 80's e una "degli anni '10"..passato e presente del mondo della musica..semplicemente perfette.
Ma è sull'intramontabile look di Cindy Lauper che oggi voglio soffermarmi: colorato,ribelle,anticonformista

Fashion tips
Sostengo sempre che ricercare dagli armadi di mamma e parenti varie sia il miglior modo per impersonare il look che si desidera,il solo indossare un accessorio che sappiamo realmente provenire da quegli anni ci fa immedesimare,essere più sicure,sentirci a nostro agio e quindi risultare il meno ridicole possibile.Ma guai a non soddisfare la fame di shopping! H&M mi ha dato una mano a trovare qualcosa che si avvicini al look anni '80 della ribelle che "vuole solo divertirsi", permettendomi di creare questi look con il fashion studio..mi sono divertita tantissimo!




mercoledì 24 novembre 2010

Bohèmien chic: romantico, hippy, vintage ma con stile


Un look volutamente senza schemi, definito con il termine Boho Chic (da bohèmien), romantico e hippy allo stesso tempo,vintage che presta una particolare attenzione agli accessori:dai ciondoli coloratissimi alle cinte borchiate che scendono sui fianchi,dalle maxi sciarpe ai cappelli old style.
Assenza di schemi predefiniti quindi,ma proviamo comunque a delineare qualche base:

1. Contrasti a volontà e abbinamenti di colore vietati. Ovvero: non è che dovete sembrare un clown, l'importante è sempre bilanciare lo stile di ciò che avete addosso.

2. Sciarpe e bijoux. La sciarpina dall'aria hippy in tessuti naturali non è mai sbagliata,ora che si avvicina sempre più il freddo però sono pefette le maxi sciarpe in lana. Per quel che riguarda i bijoux abbondate pure preferendo lo stile etnico, le pietre dure, i gioielli fatti a mano o quelli antichi. No ai bijoux minimali e hi tech ovviamente.

3. Borsa e cintura: per le borse basta che siano grandi, in pelle meglio se color cuoio e dall'aria vissuta.Quindi caccia al pezzo vintage nei mercatini!

4. Abiti sopra i pantaloni: sia sopra i jeans che sopra un normale pantalone (dritto non svasato) un abitino svolazzante,meglio se in fantasia floreale.

5.Gonna plissè o a balze:la gonna casual portata con magliettine e canotte accostate al corpo è comodissima e facile da portare.

La collezione Zara di quest'inverno sembra ispirarsi apertamente a questo stile

Zara propone una Woodstock girl del terzo millennio,un mix tra casual anni '70 e desiderio di azzardo e originalità dei nostri giorni.

Anche le scarpe si ispirano a questo look,interessanti sono i mocassini stringati e gli stivaletti allacciati col tacco,sempre di Zara.

martedì 23 novembre 2010

Ritorno al Pizzo

è il mio preferito,il tessuto che meglio esprime la voglia di ritornare ad una dimensione più romantica,soffice,morbida,sensuale..il pizzo,declinato in un'infinità di proposte, che vanno dagli abiti agli accessori;da modelli classici ad imprevedibili accostamenti.Si accompagna alla pelle, alle pellicce, alle stampe animalier..da utilizzare però con qualche cautela.

Il pizzo è davvero uno dei tormentoni delle collezioni autunno-inverno 2010/2011e poi domina soprattutto sulle calzature, ne sono un esempio i bellissimi tronchetti Liu Jo con tacco a spillo, spuntati in vernice nera.


Liu Jo shoes dedica grande attenzione ai dettagli, per rendere ogni calzatura unica e glamour:Catenelle, borchiette, gioielli insieme al pizzo e alla pelliccia rifiniscono e impreziosiscono le scarpe della nuova collezione;i colori proposti spaziano dal nero, al marrone, passando per il beige, il tortora e il grigio..le immagini sono prese direttamente dal sito Liu Jo. Se volete vedere l’intera collezione autunno inverno andate sul sito ufficiale Liu Jo, dove troverete tutte le collezioni uomo, donna e accessori.



Io trovo bellissime queste ballerine di Giuseppe Zanotti,dall'anima contraddittoria,modello quasi da bambina e pizzo nero provocatorio su una base color cipria che crea un cromatismo molto interessante..sono adorabili e perfette per ogni occasione..io le metterei con un jeans,sono perfette con un abitino nero,ma io adoro le ballerine sotto al jeans,mi fanno sentire a mio agio ed adeguata in ogni situazione.

Per quanto riguarda gli abiti trovo che questo di Pimkie sia veramente delizioso,costa 29.95€ e potete anche acquistarlo on line sullo shop di Pimkie e indossarlo sopra le ballerine di Zanotti..perfetto!

lunedì 22 novembre 2010

Inverno 2011:è Vintage


Premessa:I trend stagionali non sono dogmi assoluti: vanno filtrati (e all’occorrenza snobbati), nel rispetto della propria silhouette e dei colori personali (pelle/occhi/capelli), per evitare un odioso effetto boomerang a livello estetico.Fortunatamente da qualche anno a questa parte,le proposte proibitive e proibite(non siamo tutte figlie di Paperon de Paperoni) di stilisti vari sono state surclassate da una "nuova" tendenza che sta rivoluzionando la moda e non solo:si tratta del fenomeno vintage che abbraccia moda, oggetti, design, musica e stylelife, ed è alla portata di tutti.

Tralasciando le varie collezioni e i vari total look di cui è impregnato il web,io scelgo la strada della reinterpretazione personale e,come sempre,del buon gusto..quindi via libera ad abiti ed accessori vintage mixati però con capi moderni per evitare l'effetto "oggi mi vesto da Sofia Loren",ricordando che il vero vintage è quello rispolverato dal'armadio di nonna,mamma,zia e via dicendo..(lo dico con gli occhi luccicanti dopo aver ricevuto in regalo una splendida cintura direttamente dai 70's),e poi,vogliamo mettere l'orgoglio che si prova nell'indossare un capo che ha fatto e continua a fare la storia?


Per quanto riguarda le tanto amate scarpe,mi permetto di consigliare "Vintage Shoes",il libro sulle scarpe vintage in cui Caroline Cox mette in scena la calzatura in ogni sua forma, dagli inizi del Ventesimo secolo ai nostri giorni, in un interessante excursus tra i capolavori di stile ed eleganza creati da grandi maestri del passato e non solo.Ogni modello è ben catalogato, illustrato e accompagnato da riferimenti al tempo in cui è stato realizzato, con un’attenta analisi della vita femminile del periodo. Insomma il risultato è un’enciclopedia della società femminile raccontata attraverso l’evoluzione delle scarpe.











Cerca abbigliamento vintage su shopcentrics!